"Museo dei dolmen" un museo virtuale della preistoria e protostoria del Mediterraneo e dell'Europa Occidentale, ideato e diretto da Federico Bardanzellu.******* "Museo dei dolmen Newsletter", diffusa in partnernariato con "Romalavoro.net"

 

Home

Dolmen Museum

  logo2 

 NEWS

Preistoria e protostoria

del Mediterraneo e dell'Europa Occidentale

Newsletter n. 87 - 15 settembre 2019

www.museodeidolmen.it

In partnernariato con: www.romalavoro.net

 

 

 

 caceres

 

 

 

 

 

         

 Fonte foto: Diario Sur

Spagna, riemerge una misteriosa Stonehenge.

Càceres, 11 set. (Il Turismo) - Sembra molto simile a quella
inglese la Stonehenge riemersa dalle acque delle rive del Tago, in Spagna. Ma il tesoro di Guadalperal, così è stato soprannominato, potrebbe presto riaffondare, se non si prenderanno seri e veloci provvedimenti.

Il sito era scomparso dopo la costruzione di una diga nel 1963 ordinata da Franco. Si tratta di un complesso megalitico risalente all’Età del Bronzo: 144 pietre granitiche con camera ovale di cinque metri di diametro e un corridoio di 21 metri di lunghezza. II Dolmen del Guadalperal furono danneggiati circa due millenni fa da soldati romani. E non si sa da quanto fossero "scomparsi": per gli abitanti di Peraleda de la Mata ormai erano più una leggenda che realtà.

Leggi tutto

   
   
   
 amanti_modena

 

 

 

 

 

 

Fonte foto: La Repubblica


 

Gli "amanti di Modena" della necropoli sono due uomini.

Bologna, 11 set. (Repubblica) - Quando furono scoperti, nel 2009, durante gli scavi in una necropoli modenese di epoca tardo-antica (IV-VI secolo), divennero subito gli 'amanti di Modena': due individui sepolti nella stessa tomba e deposti mano nella mano.

Nonostante il pessimo stato di conservazione delle ossa rendesse impossibile individuarne il sesso, la particolare sepoltura fece subito ipotizzare si trattasse di un uomo e una donna deposti insieme. Ma un nuovo studio guidato da ricercatori dell'Università di Bologna smentisce ora questa ipotesi: gli 'amanti di Modena', infatti, erano due uomini.

Leggi tutto

 

   

 tomba_taiyuan

  

 

 

 

 

   

 Autore foto: Istockphotos

 

Cina, torna alla luce una splendida tomba millenaria.

Taiyuan, 12 set. (Il Turismo) È tornata alla luce per caso, ed è un vero e proprio tesoro: in Cina, nella città di Taiyuan, alcuni operai hanno ritrovato una splendida tomba millenaria, caratterizzata da meravigliosi dipinti murali eccezionalmente conservati, e ricca di vasellame tradizionale risalente alla dinastia Tang (circa 600-900 d.C).

La scoperta è avvenuta involontariamente: durante alcuni lavori di ristrutturazione di una scuola sfondato, gli operai hanno sfondato il tetto di una delle camere sepolcrali, che giaceva sotto il cortile. Ulteriori scavi sono ora necessari per capire la portata della scoperta. Per ora si sa con certezza che il defunto non era un cittadino comune, ma sulla sua identità le autorità cinesi non si sono ancora proferite.

Leggi tutto

 

 

tombarussa

 

    

 

 

 

 

Fonte foto: Il Messaggero

 

Fibbia di cintura simile a un iPhone in una tomba russa di 2100 anni fa.

Tuva, 9 set. (Paolo Travisi, Il Messaggero) - A prima vista sembra un iPhone. Forma rettangolare, colore nero, insomma un oggetto che ormai abbiamo imparato a riconoscere. Solo che è stato rinvenuto in una tomba scoperta in Russia, interrato insieme ad uno scheletro, ed è vecchio di duemila anni.

Per l'esattezza, 2.137 anni secondo le analisi condotte dal team di archeologi che ha rinvenuto il misterioso oggetto durante una sessione di scavi. La scoperta è avvenuta vicino alla necropoli di Ala-Tey, in quello che oggi è un bacino idrico prosciugato, nei pressi della diga Sayano-Shushenskaya.

Leggi tutto

  

 

fardellodelcoleottero

 

 

 

 

 

 

   

  

 

In libreria e in internet "Il fardello del coleottero" di Federico Bardanzellu.

Le generazioni che erano state protagoniste delle grandi tensioni sociali e intellettuali del decennio precedente hanno cominciato ad avvertire le prime profonde delusioni per il fallimento dei             loro ideali e, per reazione, rivolgono la loro attenzione alla gaudente ricerca dei piaceri materiali della vita, come i loro coetanei disimpegnati.

Dopo la vittoria elettorale del PCI, alle elezioni europee del 1984, anche gli ideali politici di sinistra sono messi in discussione come irrealizzabili e restano un difficile peso da trascinare, come il pesante fardello di sterco del coleottero della sabbia.

L’unico valore della contestazione che non viene travolto è l’emancipazione della donna. Sopravvive solo chi si adegua passivamente alle nuove regole del gioco dettate dal sesso femminile, dando così un senso al suo ripiegarsi nel privato.

In vendita nelle librerie convenzionate con la casa editrice, su Amazon, IBS, Unilibro e sul sito:  www.progettocultura.it

 

 Museodeidolmen.it & Romalavoro.net   Privacy Policy