"Museo dei dolmen" un museo virtuale della preistoria e protostoria del Mediterraneo e dell'Europa Occidentale, ideato e diretto da Federico Bardanzellu.******* "Museo dei dolmen Newsletter", diffusa in partnernariato con "Romalavoro.net"

 

Home

Dolmen Museum

  logo2 

 NEWS

Preistoria e protostoria

del Mediterraneo e dell'Europa Occidentale

Newsletter n. 81 - 15 giugno 2019

www.museodeidolmen.it

In partnernariato con: www.romalavoro.net

 

 

 

 cantieri_valletempli

 

 

 

 

 

   Autore foto: Evan Erikson, Wikimedia

I cantieri degli antichi greci ricostruiti nella Valle dei Templi.

Agrigento, 7 giu. (Ansa) - Come si costruivano i templi antichi? Come era possibile trasportare massi squadrati da diverse tonnellate e issarli a diverse decine di metri di altezza? Quanti operai servivano per costruire un tempio? Una mostra dal grande valore didattico e documentario ricostruisce i cantieri allestiti per edificare i grandi templi dorici della Valle dei Templi di Agrigento.

Sono riproposte - in un itinerario che si addentra nella Valle - in scala 1:1, le principali macchine edili costruite nel tempo, con ingegnosi meccanismi di semplicità disarmante.

Leggi tutto

   
   
   
 papiri_seneca

 

 

 

 

 

     Autore foto: Nowik Wikimedia
 

Egitto, scoperto un antico castello nel Nord del Sinai.

Sinai (Eg.), 11 giu. (Salvo Cagnazzo, Turismo.it) - Scoperto in Egitto un castello di 2600 anni, disseminato di punte di freccia in metallo e di pugnali in pietra. Lo scopo di questa roccaforte militare pare fosse quello di proteggersi dai Persiani. Si trova nel Nord del Sinai, e dovrebbe risalire attorno al 664-610 a.C., durante l'era Psamtik, l'ultima prima dell'invasione persiana del 525 a.C..

Durante questi attacchi è stata distrutta la maggior parte dei suoi edifici. I reperti recentemente rinvenuti hanno ipotizzato, per questo sito, la presenza due castelli: quello principale pare avesse 16 torri, e si pensa che fosse stato costruito sulla struttura di un edificio incompiuto.

Leggi tutto

 

 

 scaricatoriporto

  

 

 

 

 

   Autore foto: Ludopedia Commons

Nell'antica Roma gli scaricatori di porto mangiavano come ricchi.

Cambridge, 12 giu. (Antonio Landini, Conoscere la storia) - Ai tempi d'oro dell'antica Roma, gli scaricatori di porto consumavano carne, pesce, grano, olio d'oliva e vino, esattamente come i romani più ricchi e benestanti: a impoverire la loro dieta, rendendola più simile a quella dei contadini, furono gli sconvolgimenti politici e dei commerci portati dalla discesa dei Vandali con il sacco di Roma del 455 d.C..

Lo dimostrano le analisi condotte sui resti umani, animali e vegetali ritrovati nel sito dell'antico Portus Romae sul litorale di Fiumicino dagli archeologi dell'Università di Cambridge, che pubblicano i risultati sulla rivista Antiquity.

Leggi tutto

 

 

 elsa_medioevo

 

    

 

 

 

Fonte foto: La Repubblica

Scoperta a Palermo un'elsa medievale negli scavi di Casa Martorana.

Palermo, 13 giu. (Marta Occhipinti, Repubblica) - Un'elsa in argento con dorature a mercurio, nobile e con iscrizioni che riprendono versi del Nuovo Testamento. È stata scoperta, durante gli scavi della Soprintendenza dei Beni culturali, disposti tra via Maqueda e piazza Bellini, il resto di una spada medievale del periodo Aragonese, databile tra la fine del XIII e l'inizio del XIV secolo d.C.

L'elsa è stata ritrovata all'interno di una tomba, probabilmente appartenuta a un noto guerriero dell'epoca, sotto Casa Martorana, in via Maqueda, dove attualmente sono in corso scavi archeologici in collaborazione con l'Università. Un ritrovamento nel cuore di Palermo, dove gli archeologi ritornano dopo quarant'anni.

Leggi tutto

  

 

fardellodelcoleottero

 

 

 

 

 

 

   

  

 

In libreria e in internet "Il fardello del coleottero" di Federico Bardanzellu.

Le generazioni che erano state protagoniste delle grandi tensioni sociali e intellettuali del decennio precedente hanno cominciato ad avvertire le prime profonde delusioni per il fallimento dei             loro ideali e, per reazione, rivolgono la loro attenzione alla gaudente ricerca dei piaceri materiali della vita, come i loro coetanei disimpegnati.

Dopo la vittoria elettorale del PCI, alle elezioni europee del 1984, anche gli ideali politici di sinistra sono messi in discussione come irrealizzabili e restano un difficile peso da trascinare, come il pesante fardello di sterco del coleottero della sabbia.

L’unico valore della contestazione che non viene travolto è l’emancipazione della donna. Sopravvive solo chi si adegua passivamente alle nuove regole del gioco dettate dal sesso femminile, dando così un senso al suo ripiegarsi nel privato.

In vendita nelle librerie convenzionate con la casa editrice, su Amazon, IBS, Unilibro e sul sito:  www.progettocultura.it

  

 Romalavoro.net   Privacy Policy

 Museodeidolmen.it & Romalavoro.net   Privacy Policy