"Museo dei dolmen news" una testata online senza alcun obbligo di registrazione in quanto non risponde alle condizioni ritenute essenziali dalla Legge n. 47/1948 per la definizione di prodotto stampa"

 

Home

Dolmen Museum

  logo2 

 NEWS

Preistoria e protostoria

del Mediterraneo e dell'Europa Occidentale

Newsletter n. 135 - 15 ottobre 2021

www.museodeidolmen.it

In partnernariato con: www.romalavoro.net

 

 

SodomaGomorra

 

 

   

 

      

 

 

           

      Autore Foto: P.Burtenshaw

 

L’asteroide di Sodoma e Gomorra.

Tel Aviv, 6 ott. (Albino Carbognani, Media Inaf) - Poco più di un anno fa su Scientific Reports uscì un interessante articolo in cui si esponevano i risultati ottenuti analizzando l’insediamento preistorico di Abu Hureyra in Siria.

In base alle tracce di vetro fuso e di nano diamanti ritrovati in situ i ricercatori concludevano che circa 12.800 anni fa la zona poteva essere stata colpita da una piccola cometa. Ciò renderebbe Abu Hureyra il più antico insediamento umano conosciuto distrutto a causa di un impatto.

Leggi tutto

 

  

orme_ominidi

 

 

 

 

 

       

        

       

          Autore foto: Momotaru, Commons


 

Trovate le più antiche orme di ominidi: risalgono a 6 milioni di anni fa.

Iraclio (Gr.), 13 ott. (Stefania Bernardini, Libero.it) - Trovate nel 2017 vicino a Trachilos, su una spiaggia di Creta, le impronte fossilizzate sono la più antica prova diretta che abbiamo del bipedismo nei nostri antenati.

Ancora più vecchie di quanto riportato in precedenza, hanno battuto anche le controparti africane. Quando erano state scoperte, circa quattro anni fa, erano state dichiarate prove di antenati umani che camminavano eretti 5,7 milioni di anni fa.

Leggi tutto

 

  

Astarte_mozia

  

 

 

 
  

          

             

           

       Autore foto: Davide Mauro, Wikimedia

 

Dagli scavi di Mothia torna alla luce il volto della dea Astarte/Afrodite.

Trapani, 6 ott. (RaiNews) - Il volto, in terracotta, della dea Astarte/Afrodite (compagna di Baal del Kothon, signore delle acque marine e sotterranee) è venuto alla luce durante l'ultima campagna di scavi condotti sull'isola di Mothia dalla missione dell'Università "La Sapienza" di Roma coordinata dal professor Lorenzo Nigro.  

"Dopo tanti anni di scavo - dice Nigro - la continuità della ricerca archeologica ha portato il suo frutto. Il ritrovamento ci ha mozzato il fiato:

Leggi tutto

 

  

tombe_giganti

 

    
  

    

            

                     

            

         

        Autore foto: F.Bardanzellu

  

A Meriaga riemerge una tomba dei giganti.

Macomer, 3 ott. (Alessandra Porcu, Nuova Sardegna) - La scoperta è di quelle che lasciano il segno. E di certo nessuno, tra gli addetti ai lavori, avrebbe mai pensato di imbattersi in una tomba dei giganti. Il ritrovamento è avvenuto in località Meriaga, nel corso delle operazioni di archeologia preventiva dei lavori di Anas.

Quello che il gruppo coordinato dall’archeologa Michela Migaleddu si è trovato davanti è un monumento che, presumibilmente, può essere datato tra il XV e il XIII secolo a.C., ossia tra la fine del Bronzo medio e il Bronzo recente.

Leggi tutto   

 

 

antenati_preistoria

 

 

 

 

 

 

   

  

 


In libreria e in internet "Gli antenati che vennero dal mare" di Federico Bardanzellu.

Posta al centro del Mediterraneo e con una conformazione tale da formarvi quasi uno sbarramento; con uno sviluppo costiero peninsulare di 4.000 chilometri e di 3.500 delle sue isole maggiori; separata dal resto dell’Europa dalla più alta catena di monti del continente, l’Italia non poteva che essere destinata a subire nei millenni innumerevoli invasioni e migrazioni di popoli provenienti dal mare. Soprattutto perché in epoca remota erano i mari a unire le popolazioni e le distanze terrestri a dividerle.

La diffusione di nuove tecniche e culture e le sostituzioni linguistiche è stato probabilmenteo determinato dall’arrivo di élites organizzate e/o armate ma civilmente e tecnologicamente più evolute rispetto alle popolazioni autoctone. Premesso ciò, l'autore prende in esame il fenomeno del megalitismo in Italia (dolmen, menhir ecc.) confermando l’ipotesi  di un loro orientamento astronomico, verso gruppi di stelle cui era riconosciuto un ruolo totemico e/o verso particolari fasi del moto solare o lunare. Altrettanto risulta dall’esame dell’orientamento dei nuraghi sardi.

Tra gli apporti trans mediterranei, si ritiene che sia stata fondamentale per la civiltà italica la “diaspora” dei cosiddetti “Popoli del Mare” che tentarono di invadere l’Egitto intorno al 1200 a. C. I miti e le leggende collegati alla fondazione di Roma sono stati analizzati sotto il profilo “totemico” e quello delle primavere sacre. 

Per quanto riguarda il metodo d’investigazione, si è ritenuto di procedere in analogia con quello messo a punto da Bob Woodward e Carl Bernstein. Secondo i due giornalisti del Washington Post, autori dell’inchiesta sul caso Watergate, che portò alle dimissioni di Richard Nixon dalla carica di Presidente degli Stati Uniti, tre indizi convergenti formano una prova.

In vendita nelle librerie convenzionate con la casa editrice, su Amazon, IBS, Unilibro e sul sito:

www.edizionidelfaro.it  

  

Museodeidolmen.it & Romalavoro.net   Privacy Policy